18.207.238.169 @ 2019/12/07 08:39:53
Coppa del Mondo di Sci Alpino 2020

IL CYBERNAUTA
Internet e dintorni

Presentazione della rinnovata sezione dedicata da EuroMETEO alle webcam italiane

Articolo di
Paolo Ciraci

Pubblicato su nautica
471-Luglio 2001

Aggiornamento: 2019/05/18 09:59:07

"Il Cybernauta", la rubrica mensile da cui è tratto il presente articolo, è stata pubblicata sulla rivista Nautica da Novembre 1995 (n. 403) fino ad Ottobre 2001 (n. 474) ed aveva come tema conduttore il rapporto tra la nautica, la meteorologia e la rete Internet. Considerata pertanto la materia in continua e frenetica evoluzione, alcune delle informazioni fornite possono risultare oggi obsolete ed andrebbero pertanto utilizzate soprattutto a fini storici.

Rivista Nautica - Mensile Internazionale di Navigazione

Per contattare direttamente il Cybernauta: Mailto@cybernauta

Risposte alle domande più frequenti: FAQ@cybernauta

Il Cybernauta è presente anche su Twitter: Twitter@cybernauta

IN DIRETTA DALLA RETE

Chi come me da molti anni opera sulla rete Internet si trova spesso nella condizione, non sempre invidiabile, di essere considerato il "super esperto" cui rivolgere le più disparate richieste. Tra le numerosissime domande che mi vengono continuamente proposte via e-mail molte riguardano le Webcam, ovvero le telecamere automatiche che continuamente inviano immagini in diretta riprese dai più remoti angoli del mondo. Questa fama di "esperto" della materia è sicuramente dovuta sia agli articoli scritti in precedenza sull'argomento (cfr. numero 431, Webcam e numero 456, Gli Occhi della Rete), disponibili per tutti su Nautica On Line, sia alla sezione dedicata a questo tipo di immagini che ho predisposto per EuroMETEO, il nostro sito meteorologico.

Dalle statistiche del server risulta infatti che le pagine dedicate alle Webcam sono tra le più consultate dai nostri utenti, segno del gradimento delle stesse, ma soprattutto dell'interesse del pubblico verso questo tipo di comunicazione, nata per la telesorveglianza e la videoconferenza e poi diffusasi nella promozione turistica e culturale e nel monitoraggio ambientale. A questo proposito voglio ricordare Xcoffee, da tutti considerata la prima Webcam della storia. I ricercatori del Computer Laboratory dell'Università di Cambridge erano spesso costretti a lunghi tragitti per raggiungere il locale dove era ospitata la macchina per la distribuzione del caffè, con il risultato di trovarla spesso vuota: ecco così nascere l'idea di una telecamera che la inquadrasse costantemente, consultabile da tutte le postazioni di lavoro. Una volta tanto un'idea europea in un campo dove da sempre gli americani l'hanno fatta da padroni.

Una delle più comuni domande che mi viene rivolta può essere la seguente: "Ho un albergo (oppure un ristorante, un agriturismo, una marina, ecc.) e mi piacerebbe promuovere sul Web la mia attività nel settore turistico con una ripresa in diretta della vista o delle bellezze di cui i nostri ospiti possono godere. Cosa mi serve e come debbo fare?".

Se il costo delle telecamere in sé è molto basso (anche meno di 200.000 lire) e anzi spesso vengono proposte tra i gadget compresi nel prezzo di acquisto di un nuovo computer, se è vero che le procedure plug and play permettono di connettere in pochi secondi la telecamera al pc senza particolari conoscenze tecniche, se è vero che è ormai possibile avere gratuitamente sia una connessione ad Internet sia un proprio sito Web, non è affatto detto che sia poi semplice e a buon mercato fare funzionare il tutto garantendo nel contempo una continuità di servizio.

Questo punto è particolarmente importante dal momento che è sicuramente controproducente un sito che voglia promuovere una qualsiasi attività turistica con una Webcam che presenti un'immagine non aggiornata o peggio ancora non funzionante. Il grande numero di telecamere "spente" o comunque non funzionanti dimostra quanto il costo della continuità del servizio non venga tenuto nel dovuto conto nel pianificare l'adozione di una nuova Webcam.

A mio parere è buona norma affidarsi a una ditta specializzata (es. Cellcam, SVM, ecc.) soprattutto nel caso di riprese "difficili" all'aperto in presenza di agenti atmosferici e in assenza di collegamenti telefonici diretti. Consiglio comunque di adottare un sistema basato sulla trasmissione via GSM delle immagini dalla telecamera anziché utilizzare una linea telefonica dedicata. Se infatti il costo iniziale può essere più elevato si risparmierà sicuramente in seguito nei costi di esercizio, senza contare poi che con un sistema GSM sarà sempre possibile spostare agevolmente il punto di ripresa da un luogo all'altro.

A tal fine esistono degli apparecchi integrati molto compatti che contengono al loro interno sia una fotocamera digitale che un terminale GSM alimentati anche a cellule solari. Tali apparecchi sono naturalmente predisposti per un utilizzo all'esterno in ambienti anche molto ostili (addirittura sono state prodotte Webcam in grado di trasmettere via satellite immagini dall'Antartide, cioè con temperature di -60 gradi e venti superiori ai 200 Km/h). Una telecamera GSM, naturalmente, presuppone la presenza di un modem GSM collegato (o collegabile in remoto) al server Web. Il costo di esercizio di un simile sistema è alquanto basso dal momento che la chiamata sulla rete GSM è breve e si possono inoltre sfruttare le offerte che i gestori di telefonia cellulare propongono per le chiamate tra due cellulari appartenenti alla propria rete.

Naturalmente la lunghezza della chiamata è in funzione dell'ampiezza dell'immagine: quanto più questa è grande tanto più tempo occorrerà per trasmetterla. Pur non esistendo un vero e proprio standard la maggioranza delle Webcam trasmettono immagini a 320x240 o 352x288 pixel, pertanto abbastanza piccole ma comunque molto leggibili anche se sempre più diffuse sono immagini più grandi (640x480 pixel). Tali apparecchi sono soprattutto indicati per trasmettere riprese panoramiche di alta qualità a intervalli di tempo non brevissimi e sono pertanto sconsigliabili per la telesorveglianza dove è opportuno disporre di linee dedicate.

La citata sezione Webcam di EuroMETEO è stata recentemente ristrutturata nelle modalità di consultazione. In particolare sono state riunite in un unico database, interrogabile secondo diversi parametri, tutte le telecamere d'interesse meteorologico comprese quelle che durante i mesi invernali forniscono in diretta le condizioni d'innevamento delle piste da sci. Restano naturalmente escluse tutte le telecamere che effettuano riprese di interni di qualsiasi tipo che sono poi in effetti la maggioranza delle Webcam presenti sulla rete Internet.

Attualmente nel nostro database sono archiviati ben 281 record corrispondenti ad altrettante telecamere posizionate in ben 171 località italiane, con una forte prevalenza del Nord Italia come si ricava dalla seguente distribuzione regionale: Trentino Alto Adige (55), Lombardia (35), Veneto (26), Liguria (25), Friuli Venezia Giulia (24), Toscana (23), Valle d'Aosta (21), Emilia Romagna (20), Lazio (11), Piemonte (11), Sardegna (11), Campania (8), Sicilia (4), Marche (2), Umbria (2), Abruzzo (1), Calabria (1), Puglia (1). La provincia più rappresentata è Bolzano (30), seguita da Trento (25), Sondrio (24), Aosta (21) e Udine (17): un trionfo della montagna dunque. A questo proposito riporto la distribuzione per tipologia di immagine: montagna e piste da sci (129), mare e spiagge (78), città (43), laghi (17), panorami vari (14).

La pagina di interrogazione del nostro database, oltre ai campi di ricerca per tipologia, per regione o full-text, mostra anche il numero totale di record presenti e il numero di quelli verificati periodicamente dal nostro robot automatico, dando la possibilità di operare le selezione solo su questi ultimi. Si tenga comunque presente che il robot può individuare l'esistenza o meno di un'immagine ma non il suo contenuto, per cui può marcare come "verificata" un'immagine non più aggiornata come per esempio molte delle telecamere sulle piste da sci, attive soltanto durante la stagione invernale per il monitoraggio delle condizioni dell'innevamento.

In ogni caso siamo sicuri che la nuova sezione Webcam di EuroMETEO possa fornire un servizio ancora più gradito ai nostri utenti ed utile a tutti gli operatori turistici italiani per promuovere sempre meglio la propria attività in diretta dalla Rete.

Paolo Ciraci Il Cybernauta
Salone Nautico di Genova
K16PC71-articoli