3.81.29.254 @ 2019/12/13 17:50:22
Coppa del Mondo di Sci Alpino 2020

IL CYBERNAUTA
Internet e dintorni

Descrizione di alcuni dei più interessanti prodotti offerti gratuitamente dal servizio meteorologico statunitense NWS

Articolo di
Paolo Ciraci

Pubblicato su nautica
439-Novembre 1998

Aggiornamento: 2019/05/18 09:59:07

"Il Cybernauta", la rubrica mensile da cui è tratto il presente articolo, è stata pubblicata sulla rivista Nautica da Novembre 1995 (n. 403) fino ad Ottobre 2001 (n. 474) ed aveva come tema conduttore il rapporto tra la nautica, la meteorologia e la rete Internet. Considerata pertanto la materia in continua e frenetica evoluzione, alcune delle informazioni fornite possono risultare oggi obsolete ed andrebbero pertanto utilizzate soprattutto a fini storici.

Rivista Nautica - Mensile Internazionale di Navigazione

Per contattare direttamente il Cybernauta: Mailto@cybernauta

Risposte alle domande più frequenti: FAQ@cybernauta

Il Cybernauta è presente anche su Twitter: Twitter@cybernauta

METEO PER TUTTI

Come ho avuto più volte modo di affermare, diffondere le informazioni meteorologiche in tempo reale con tempestività e accuratezza è fondamentale ai fini della sicurezza della navigazione ed è perciò con particolare favore che durante la scorsa estate abbiamo visto nascere importanti iniziative in questo campo. Infatti è stata mantenuta la promessa del Ministro dei trasporti e della navigazione Burlando che prevedeva l'attivazione di un canale VHF in iso-frequenza (CH 68) destinato esclusivamente alla diffusione dei bollettini meteorologici ed inoltre è finalmente attivo il sito Internet del Servizio Meteorologico dell'Aeronautica Militare.

Nel primo caso i diportisti, per il momento limitatamente all'alto Adriatico, alto Tirreno e alto Mare di Sardegna, hanno potuto apprezzare i vantaggi di un bollettino molto più aggiornato rispetto a quello trasmesso dai canali RAI. Per quanto riguarda invece le pagine Web gestite dall'ITAV (Ispettorato Telecomunicazioni e Assistenza al Volo dell'Aeronautica Militare) sinceramente mi sarei aspettato qualcosa di diverso, per quantità e qualità, da quanto finora realizzato. Il sito, infatti, giungendo da ultimo sul palcoscenico di Internet, dopo quelli degli altri servizi meteorologici nazionali come Meteo France (www.meteo.fr), UK Met.Office (www.meto.govt.uk) e Deutsche Wetterdienst (www.dwd.de) che sono quelli più importanti in ambito Europeo, si presenta in forma ancora del tutto provvisoria con la maggior parte dell'informazione meteorologica limitata a dei dimostrativi; forse sarebbe stato preferibile attendere ancora alcuni mesi ed avere un sito realmente fruibile.

In ogni caso è comunque apprezzabile la volontà espressa dal nostro servizio meteorologico presentandosi sul Web. Se poi i prodotti forniti saranno davvero all'altezza dei dimostrativi attuali e di quelli sviluppati in occasione del sito dedicato alla candidatura di Roma alle Olimpiadi del 2004 (cfr. numero 424, Tempo di Vacanze), questa ulteriore attesa sarà ampiamente ripagata, anche se non si potrà mai giungere ai livelli del National Weather Service (www.nws.noaa.gov), il servizio meteorologico statunitense che più volte ho avuto modo di citare in questa rubrica.

Come noto l'NWS è inquadrato nel NOAA (National Oceanographic and Atmospheric Administration), ente governativo dipendente dal Dipartimento del commercio, che ormai da molti anni è il punto di riferimento per tutta l'informazione meteorologica diffusa su Internet. Anche se gran parte dei servizi è destinata al pubblico nordamericano, gli utenti di tutto il mondo, europei ed italiani compresi, troveranno tra le pagine dell'ente statunitense, dati, carte meteorologiche, immagini satellitari, documenti ed elaborazioni scientifiche in grado di soddisfare le proprie esigenze. Inoltre le modalità di accesso non si limitano al solo protocollo http, ma sono svariate e consentono molto spesso l'accesso via ftp, gopher, telnet e ftpmail, in modo da agevolare qualsiasi utente, anche quello che disponga di mezzi telematici molto datati. Considerate la vastità e l'eterogeneità dei servizi presenti sui siti NOAA è impensabile poterli sintetizzare tutti in un solo articolo; mi limiterò pertanto a citare quelli che più degli altri possono interessare gli utenti italiani.

Gli utenti di Nautica On Line ben conoscono i menu a tendina presenti nella homepage della nostra sezione meteo e nelle singole pagine regionali che consentono l'accesso diretto alle condizioni attuali del tempo su ben 79 località italiane. Si tratta di un modulo che si interfaccia direttamente alla sezione "Current Weather Conditions" di uno dei siti dell'NWS in cui vengono decodificati e messi in linea i rapporti Metar e Taf provenienti dalle stazioni meteorologiche di tutto il mondo (in genere si tratta di aeroporti).

Per ogni località vengono riportati nell'ordine:

  1. codice ICAO della stazione;
  2. coordinate geografiche;
  3. orario di riferimento dell'osservazione;
  4. orario della messa in linea;
  5. direzione di provenienza del vento espressa con le consuete sigle (es. NW, SE, NNW) oppure in gradi (in senso orario rispetto al nord);
  6. intensità del vento espressa sia in miglia all'ora (MPH) che in nodi (KT);
  7. visibilità espressa in miglia;
  8. condizioni del tempo (es. coperto, parzialmente nuvoloso, ecc.);
  9. temperatura in gradi Fahrenheit e centigradi;
  10. punto di rugiada in gradi Fahrenheit e centigradi;
  11. umidità relativa (valore percentuale);
  12. pressione espressa sia in pollici di mercurio che in ettopascal.

Viene inoltre riportata anche l'osservazione Metar originale e ciò può essere utile per esercitarsi nella decodifica. Infine è presente l'elenco delle osservazioni relative alla stazione prescelta per le ultime 24 ore, ottimo per rendersi conto dell'evoluzione del tempo in una determinata località. L'aggiornamento del database avviene ogni ora ed in genere il ritardo nella messa in linea è alquanto contenuto. Per chi poi volesse predisporre proprie previsioni o elaborazioni sono a disposizione archivi ftp ove acquisire direttamente i dati in formato Metar, Taf, Synop ed altri. Moltissimi siti in tutto il mondo si avvalgono di questa possibilità per prelevare le informazioni necessarie, ad esempio, per produrre le innumerevoli carte meteorologiche diffuse su Internet, buona parte delle quali non potrebbe esistere senza questi archivi gratuiti mantenuti dall'NWS.

Altro servizio interessante è il database, aggiornato in tempo reale, di tutti i meteofax trasmessi dal servizio meteorologico americano tra cui, particolarmente importanti per noi europei, sono naturalmente le carte meteorologiche relative all'Atlantico nord-orientale. I meteofax, tutti rigorosamente in bianco e nero, vengono archiviati in file Tiff con codifica fax G4(T4), cioè un formato normalmente non visualizzabile direttamente dalla quasi totalità dei browser Internet. Esistono comunque numerosi programmi esterni e plug-in, molti dei quali vengono elencati nelle stesse pagine del sito NWS, adatti allo scopo per cui basta salvare il file Tiff sul proprio disco e quindi lanciare il visualizzatore prescelto o addirittura configurare il browser per utilizzare direttamente il programma esterno. Ricordo che proprio grazie all'adozione di questo formato i meteofax, pur avendo le dimensioni di un normale foglio A4, vengono contenuti in file molto piccoli, circa 30k in media: qualora si fosse optato per una rielaborazione in formato gif o jpeg le immagini risultanti avrebbero avuto dimensioni ben maggiori. Gli utenti di Nautica On Line possono accedere direttamente alle carte dalla nostra ampia pagina dedicata ai meteofax.

Il servizio comunque più degno di nota è a mio avviso Ready - Real-time Environmental Applications and Display sYstem del NOAA/ARL (Air Resources Laboratory) che mette a disposizione di tutti gli utenti del mondo un potente motore in grado di generare carte e meteogrammi secondo le proprie necessità. Quando leggerete questo articolo Ready sarà già stato integrato nelle pagine meteorologiche di Nautica On Line, per cui vi dò appuntamento sin da ora in questa rubrica per illustrarne tutte le funzionalità.

Paolo Ciraci Il Cybernauta
Salone Nautico di Genova
K16PC71-articoli